Eremito Hotelito Del Alma… il piacere e la pace dei sensi

Nel cuore verde dell’Umbria, in località Parrano, è stato appena inaugurato L’Eremito Hotelito del Alma, dimora storica di rara bellezza e dal lusso innovativo, un lusso proveniente dal passato e che oggi sembra quasi dimenticato, il lusso antico dell’essenziale, di rilassarsi, di godere di silenzio, serenità e semplicità per rigenerarsi nel corpo e nell’animo,

lontani dai rumori, dal  traffico, dalla frenesia quotidiana, dal telefono e dalla televisione e dove al tramonto ci si rilassa completamente alla luce calda e fioca delle candele.

Immerso in una riserva naturale, in una magica atmosfera, l’Eremito sorge su un colle che domina la valle del fiume Chiani, in una location calda in inverno e fresca in estate, che coniuga benissimo il moderno con le sue avanzate tecniche di bioedilizia, e l’antico rispecchiando l’atmosfera tipica di un monastero medievale, rivestito in pietra, con le sue 14 “celluzze” rigorosamente singole, e tutte con vista sulla vallata sottostante, che ricalcano esattamente il modello delle antiche celle utilizzate dai vecchi padri eremiti.

Caratteristiche peculiari sono, inoltre, una sala lettura con grande camino, la biancheria tutta cucita a mano, l’antico refettorio restaurato che funge da sala pranzo; un’area relax incastonata nella roccia con canti gregoriani in sottofondo; un pergolato esterno ideale per le cene all’aperto a base di prodotti provenienti dal proprio orto, con ricette scelte dalla più sana tradizione monastica mediterranea.

Eremito Hotelito Del Alma - Umbria - Convento-monastero-abbazia

Il bisogno di solitudine viene poi bilanciato con attività facoltative, come il“light yoga” mattutino, passeggiate a cavallo o a piedi a contatto con la natura e attività di giardinaggio.

E allora siete pronti a spogliarvi di tutto quello a cui siete abituati, e vivere un’ esperienza unica e irripetibile da Eremito? Vi aspettiamo…

E.C.

This entry was posted in icastelli.net news, Italia and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.