Spazi unici per trascorrere delle vacanze indimenticabili: le isole Baleari

Le isole Baleari, meta appetibile in ogni periodo dell’anno, tanto da essere chiamate “isole dell’eterna primavera” per la loro temperatura, comprendono le bellissime Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera, tutte popolari destinazioni turistiche internazionali, ricche di alberghi e resort di lusso.

Font Santa Hotel Thermal Spa & Wellness - Isole Baleari - Resort

Situate tra la Francia e l’Africa, le isole dell’arcipelago mantengono ciascuna un carattere ben distinto. Majorca è l’isola più sviluppata e offre un gran numero di hotel, catene di fast food e spiagge affollate. Ibiza è l’isola che non dorme mai, la meta preferita di una folla amante delle feste e per questo è invasa ogni estate da una moltitudine di turisti di ogni nazionalità a caccia di divertimenti e da amanti del sole.  Minorca ha tantissimo da offrire ai turisti, come i numerosi megaliti e le grotte funerarie scavate nelle scogliere, ma anche le aree naturali protette.

Formentera, infine, è un vero paradiso naturale, in cui si arriva solo in barca, partendo da Ibiza: questo preserva l’isola dall’inquinamento. Tutte le isole offrono spiagge di sabbia fine, sole cocente, ottimi ristoranti e un’esuberante vita notturna. Ma oltre ai bar, alle spiagge e ai divertimenti mondani non-stop, troverete cattedrali gotiche, megaliti del neolitico, villaggi di pescatori, bellissimi sentieri rurali e distese a perdita d’occhio di aranceti e uliveti, tutti angoli di paradiso, questi, che il turismo non è riuscito ancora a sciupare. Inoltre c’è la possibilità di svolgere diverse attività quali gli sports nautici, immersioni sottomarine, gite ed escursioni nei caratteristici villaggi dove si tengono feste locali nel corso dell’intero anno.

Inoltre Ibiza, Formentera, Maiorca e Minorca sono così ben collegate tra loro che è possibile visitarle tutte durante un unico viaggio, dove relax e trasgressione possono fondersi.

E.C.

This entry was posted in Spagna and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.