Le spiagge più belle della costa adriatica…la Puglia e Ostuni.

Puglia, terra ricca di storia e tradizioni, di località marine da visitare, solcata da un mare incredibilmente pulito, chiaro e cristallino e da panorami incantevoli, incorniciato da una bellissima costa frastagliata, dove è possibile trascorrere una vacanza ricca di fascino ed emozioni, avventura, relax e benessere.

Fatevi travolgere dalle sue spiagge affollatissime, a cui si contrappongono le piccole insenature e baie incontaminate, che si estendono dalla costa garganica fino all’estremo dello sperone d’Italia, come ad esempio Peschici, in cui sono tante le calette accessibili solo via mare che regalano un panorama suggestivo, oppure la Spiaggia di Zaiana, con punte rocciose e trampolini naturali, o la Spiaggia di Portogreco e la Spiaggia dei Colombi, una deliziosa nicchia di sabbia racchiusa da rocce e pini, l’ideale se siete alla ricerca di pace e relax.

Qui infatti il mare conserva le sue caratteristiche di limpidezza, e si colora dei cangianti riflessi dei fondali, dal blu profondo all’azzurro chiaro, con note di un verde intenso.

Bellissimo, inoltre, il litorale di Ostuni, con i suoi 17 km di costa, in cui si susseguono lunghe spiagge e coste frastagliate.

Ed è in questa meravigliosa cornice che troviamo la Masseria Salinola, splendida fattoria fortificata e oggi adibita a lussuoso agriturismo, e l’hotel Park Novecento Resort, villa storica del XIX secolo, sobria ed elegante allo stesso tempo.

Hotel Park Novecento Resort - Puglia - Resort

Da qui è facilissimo raggiungere il centro di Ostuni, conosciuta anche come la “Città Bianca” per il colore delle sue case, in un ambiente fiabesco, con i suoi odori,  sapori che si possono “vivere” passeggiando tra le strette e candide viuzze del centro storico e che sono una delizia da assaporare, e poi ancora sole, ulivi, relax, panorami, il buon cibo…insomma, tanti buoni motivi per viverla almeno una volta nella vita.

E.C.

This entry was posted in Italia and tagged , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.