I due volti della stessa città: Scalea antica e moderna

Scalea, sede di insediamenti fin dalla preistoria, centro religioso e culturale, sottoposta nei secoli agli attacchi di saraceni e corsari, è oggi tra i più ambiti centri turistici e balneari di Cosenza e di tutta la Calabria, con la città vecchia arroccata a dominare la parte moderna che si affaccia sulle ampie spiagge.

Tipico borgo medioevale costiero predisposto per la difesa dalle incursioni, con i numerosi ruderi delle ville romane di epoca imperiale, Scalea fu presa a modello per la costruzione delle ville di Ercolano e Pompei.

Scegliere Scalea per le vacanze estive significa amare il mare: la scogliera che va da Capo Scalea all’Ajnella è ricca di grotte e piccole baie, di chilometri di spiagge interrotte solo da un imponente scoglio su cui sorge la Torre Talao, simbolo della città.

Lo scoglio era un tempo un isolotto abitato dall’uomo nella Preistoria, trasformato poi in penisola per un fenomeno d’insabbiamento e oggi è parte integrante del territorio, dalla cui cima si gode di un panorama mozzafiato, che va dalla scogliera dell’Ajnella alla lunghissima spiaggia che si estende fino all’isola di Cirella.

Hotel Porto Pirgos - Calabria - Relais

Questa zona è ricca di tradizioni gastronomiche, grazie ai popoli che si sono alternati nel corso dei secoli. Immancabili, in ogni stagione, i tagliolini e ceci, o le “lagane” e fagioli, arricchiti dal famoso”pepe rosso“, ma la ricetta tipica di Scalea è il “Pip’ e patane“, ovvero peperoni e patate, tramandata di generazione in generazione, personalizzata per cottura e odori aggiunti da cucina a cucina, è il racconto semplice della tradizione contadina che contraddistingue questo angolo di Calabria per farvi portare, al rientro della vostra vacanza, non solo souvenirs e foto di questi luoghi ma anche gustosi ricordi

E.C.

This entry was posted in Italia and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.