Corciano e il suo patrimonio ambientale naturalistico.

Il territorio che circonda Perugia rispecchia perfettamente le caratteristiche ambientali e culturali dell’Umbria, mantenendo un forte ed autentico legame tra natura e civiltà, tra borghi tipici medioevali e campi coltivati.

Tra le verdi e sinuose alture, fitti oliveti e pregiati vigneti che ricoprono quasi interamente le verdi pianure, tutta la regione offre al visitatore un paesaggio unico ed incantevole con piccoli borghi fortificati, tra cui Corciano, a nord di Perugia, tipico borgo medioevale che sorge sulle colline che si distendono tra la città e il Lago Trasimeno, e che si caratterizza per il suo intreccio di vicoli e strette scalinate, per il colore delle sue pietre e i segni evidenti della sua storia.

Secondo un’antica leggenda Corciano è sorta per opera di Coragino, mitico compagno dell’eroe Ulisse.

Corciano è ricco di testimonianze storiche e di opere d’arte: uno dei monumenti architettonici più significativi di tutto il territorio perugino è sicuramente il Castello di Pieve del Vescovo, massiccio e imponente, immerso nel verde della valle.

E poi ancora troviamo vicoli, scalinate, palazzi, torri, giardini, chiese e campanili, nella cornice di un’intatta struttura medievale, il torrione di porta Santa Maria, la centrale piazza Coragino con un bel pozzo del ‘500 e la chiesa di Santa Maria Assunta.

Nel periodo tra dicembre e gennaio proprio a Corciano viene inoltre allestito nel centro storico, ormai da più di 20 anni, un grandioso presepe con statue a grandezza naturale in carta pesta e terracotta e con un allestimento sempre ispirato ad un tema diverso con lo scopo di legare la rappresentazione del presepe ad una riflessione del Vangelo attraverso versetti appesi alle porte di tutte le case del borgo come augurio natalizio.

E.C.

This entry was posted in Italia and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.